Reasoning in Obsessive-Compulsive Disorder (Il ragionamento nel Disturbo Ossessivo-Compulsivo)

Submitted: October 12, 2010
Accepted: December 16, 2010
Published: February 22, 2011
Abstract Views: 4921
PDF: 16756
Publisher's note
All claims expressed in this article are solely those of the authors and do not necessarily represent those of their affiliated organizations, or those of the publisher, the editors and the reviewers. Any product that may be evaluated in this article or claim that may be made by its manufacturer is not guaranteed or endorsed by the publisher.

Authors

In questo articolo riassumiamo alcuni risultati di un filone di ricerca realizzato nell'ambito della Scuola di Psicoterapia Cognitiva (SPC) Associazione di Psicologia Cognitiva (APC), dedicato principalmente alla spiegazione del disturbo ossessivo compulsivo, vale a dire alla identificazione degli scopi e delle rappresentazioni che regolano la attività  ossessivo-compulsiva e in particolare il ragionamento ossessivo. I risultati di queste ricerche si sono rivelati interessanti, però, anche per la spiegazione di alcuni altri problemi della psicologia clinica e della psicologia generale, quali ad esempio la natura del senso di colpa, l'influenza degli stati emotivi ed intenzionali sui processi cognitivi, in particolare dell'influenza della colpa sul ragionamento e sulle decisioni e del contributo di tale influenza al mantenimento della patologia, cioè alla spiegazione del paradosso nevrotico, e infine, i rapporti tra razionalità  e patologia.

Dimensions

Altmetric

PlumX Metrics

Downloads

Download data is not yet available.

Citations

How to Cite

Mancini, F., & Gangemi, A. (2011). Reasoning in Obsessive-Compulsive Disorder (Il ragionamento nel Disturbo Ossessivo-Compulsivo). Research in Psychotherapy: Psychopathology, Process and Outcome, 13(2), 191–216. https://doi.org/10.4081/ripppo.2010.12